Poesie in dialetto ternano

Ecco una piccola raccolta di poesie scritte in dialetto ternano.

Dimme  trendatrè

 

“Ndo’ vai Cisì?”, je disse Minicucciu

“Vado da lu dottore ‘sta madina,

ieri me so’ assettata lla’ ‘n cantucciu

e s’è arsintìta subbitu la schina”.

 

“Sarà l’età Cisì che voli fa’?

Ciài ottandanni e nun ce sta vérzu

de pote’ co’ lu tembu raggiona’

e quillu, ‘gni tandinu, fa ‘che scherzu.”

 

“Sarà ccucì, com che dici tu,

mo’ jemo ‘che lu medicu m’aspetta

anzi… me ciaccumpàgni Minicù?”

“Ma scì che t’accumpàgno ‘n céssi fretta.”

 

La visitò per bene lu dottore

e quanno che l’età j’addimannò:

“so’ quaci ottanda e ciò condate l’ore,

ma de campa’ vorrebbe ‘n andru po’.”

 

“De cèrtu cambi armeno fino a cendo

mo’ tu però, su, dimme trendatrè.”

“Dottore mia, ma che me vai dicenno?

M’hai vistu? E chi ce crede… solu te!”

 

(Italo Conti)

Miranna

 

Senza l’usiliu de li fonnamenti

sopre ‘lla roccia dura e desolata

da tanti lustri e pochi avvinimenti,

stai lli pe’ vandu a chi tt’ha progettata.

 

De lu natale tia ‘nn esiste annata;

ddo’ ‘n che lo scrie’ non po’ proa’ l’azzardu

‘n do’ sta ‘nniscosta ‘gni quarsiasi data

ch’è inutile abbozza’: sia prestu o tadu.

 

la tu’ simplicità ‘ppaga lo sguardu.

Co’ quello stortu de ‘lli viculitti,

co’ ‘lli scalini ‘n do’ fa capu ‘n mardu,

co’ ‘ll’alliciati sassi e quell’architti.

 

Da llassù ‘ncima tu, guardi li titti

de Terni, che j’appari l’assolata

quaci a lo vendica’ propri diritti,

de sindinella su ‘sta conga amata.

 

(Corrado Cresta)

Collabora con noi

Se vuoi pubblicare poesie o racconti invia una email all'indirizzo ternivecchiu@gmail.com

Li mesi dell’anno

 

Gennaro tuttu ghiacciu

Febbraru tutti li celli se mettono del paro

Marzo marzeggia

Aprile principia n’durgire

Maggiu tutta la robba a vantaggiu

Giugno mantene

Luglio e Agosto tutto moscio

Settembre l’uva e fatta e lu fico penne

Ottobre se vennemmia

Novembre se sumenta

Dicembre col gelato tuttu lu munnu è incappucciatu.

 

(Inviata da Mirko Biondini)

Povera Terni mia!

 

Povera Terni mia,
come t’hanno arridotto…..

 

La Piazza Tacito,nà pattumiera,
co lu tendone per scivolà su lu ghiaccio!!

 

E a penzà, che lì ce girareno lu firm
“La reghazza de Bubbe’,
quellu sì c’hera nu compagnu tosto!!!

 

Lu firm era de Comencini,
me pare,chi se lo ricorda???

Nessuno….

 

E io da regazzetto
dicevo a li compagni de scola
che a Roma , o a Milano,
vedevano per la prima vorda in TV,
la fontana con lu calamajo…
guarda là quella della
pubblicità del formaggino..
è Terni mia….
la città dell’Acciajo…
che svetta cu lo pilone..
sembre dritto.. nel monno!!!

 

E’ la città
de lu batiscafo Trieste,
che raggiunse
l’abbisso delle Marianne!!!

 

E chi veniva per magnà le paste
da Pazzaja,me diceva, poi a casa:
quant’è bella Terni, è piccola.. è pulita…
la gente è educata..quasi perfetta!!!

 

Ma oggi,diteme,che ce rimane???

A Piazza de lu Mercato,
praticamente dove so natu,
non se pò più salì a sentì lu profumo
de lu pesce appena pescato
che viene dall’Adriadico,
e me pare che stà pe scomparì.
insomma deve annà via!!

 

La Passeggiata,dove se facea
la corte a tutte le maschiette
co le trecce corte,
oggi a passacce,me fa paura,
sia per li vordi strani
de li giovani d’oggi,
che incontri,e
che te sbatteno addosso
senza un briciolo d’edducazzione!!!!

 

La scola delle Orzoline,
è distrutta…..
peggio delle bombe
ammerricane!!!

Rimane solo, quanno vengo a trovà li vecchietti mia, quel profumo de rose e de viole, che viene dal profonno del core…  perchè sò sicuro!!!       TERNI NON MORE!!!!

(Alessandro Massarotti)

Terni d’un témpu

Su ‘na fetta de marmu levigatu

che li seculi intattu çnno lasciatu

stà scurpita ‘na data ‘nteressande

pé nnui ternani mordo assai ‘mportande

 

sta lappide che c’émo è tale e qquale

come la scrisse Fausto Libberale

quillu stissu che già riccu sfonnatu

l’Anfiteatru a Terni à rigalatu.

 

Fu scritta Doppu Cristu, il trentaddue,

mendre Consuli a Terni erano ddue:

certo Enobarbo e ccertu Scriboniano

mannati iqqui dal popolo romano.

Dice: «Settedendo-quattr’anni fà

nascette ‘ndu stò mò stà gran città»

Se ssù stà lappide è scrittu cuscì

facemo un po’ de cunti pé ccapì:

 

Se a settecento-quattro in cottrazione

leviamo il trantaddue de la ‘scrizzione

è seicentro-settanta-due lu réstu

il ch te rénne propriu manifèstu

 

che ttistu è ggiustu l’annu e lu Natale

de stà città nasciuta ggià immortale,

de stà città de Santi e Imperatori.

Se ppò è ango vero o quasci pressoché

che nel settecento e ppò cincnquantatré

fu Roma avanti Cristu edificada

mò fatte pure st’andra cumbinada:

 

Proa de Terni tu l’anni a llevà

a quilli de Roma, ed ecco compà

t’artroverai, e ormai lo più dd’unu

un nummeru precisu: l’ottantunu.

 

Vordì che Terni, stà città mai doma

nascette ottantun’anni doppo Roma.

E téste date nò stò llì pé ccasu,

sò ben precise e non sò fatte a nnasu.

 

(Tratto dal capitolo I del libro “Terni d’un témpu” di Eucherio Morelli)

Poesie di Spino Biancifiori

POEMA OPERAJU

 

E’ … lungu cend’anni.

‘stu candu d’amore

Ch’è fattu de giorni

De ‘n sulu colore

Bruciati a tre turni

Tra furni e siviere,

pè ‘n pane macchietu

de sangue e sudore.

E’ lungu cend’anni,

ma e verde de core,

‘stu candu che a Terni,

non sa de dolore

e scrie, co le piaghe,

su un nastru d’acciaiu,

le righe de ‘n sacru:

Poema operaju.

L’URDIMU VITTURINU

 

Se che sa da vedè;

a li tempi d’oggi,

angora vò giranno ‘sti “legnacci”.

Robba da paci!

Ah vitturì!

Te scanzi o non te scanzi?

Lu vidi se che ‘ngorgu ch’hai creatu?

Stò firmi l’otobussi, li furguni,

le macchine e perfino li peduni.

E aggiornate se vòli circolà!

Arza li tacchi!

Tirete più llà!

Vatte a ripone, tu e ‘stu cavallacciu.

 

Fra ‘sti’impropèri

e andre parolacce,

in tèsta sarabanda di rimore,

lu vitturino

(urdìmu armastu ‘n tèsta città nostra)

non se scompone.

Se tira ‘n po’ più avandi, e loccu loccu,

fa ‘n cumbrimendu a la bestiola sia;

manna ‘n ‘curbittu a tuttu ‘ stu progressu

e svorda a siccu, verzu ‘ n’andra via.

Un’andra via?

Ma quale?

Indò s’argira è smpre ‘lla sonata.

 

‘N ce sta più postu ormai pé la “carrozza”,

da li circhiuni che vò sborbottanno,

lu mandice ch’è tuttu rattoppatu,

e lu cavallu mezzu ‘mpurmunitu

Lu vitturinu, ce lo sa che ormai,

issu e lu legnu,

so diventati pezzi da museu;

ma forze angora sende nustargia

(come ‘stu core)

di quilli tempi pieni dall’igria,

e strigne forte, fra le mani sia,

‘nzieme a le briije

l’urdima riga de ‘na puisia

che mano a mano,

Terni butta via.

 

(Poesie fornite da Silvano Saveri)


Hit Counter by http://yizhantech.com/