La basilica romana di Interamna

Scoperto nell’anno

2000

Campagne di scavo:

 

unica nel 2000

Datazione sito:

 

I – II sec. a.C.

Durante i lavori di sbancamento (anno 2000) per la realizzazione dei parcheggi sotterranei presso piazza San Giovanni Decollato  sono emersi i resti delle fondamenta di una costruzione di epoca romana. E’ da ricordare che, prima della costruzione del palazzo delle poste, sorgeva sopra ai resti oggetto della presente nota, la chiesa di San Giovanni decollato.

Molto probabilmente si tratta di una basilica romana ovvero, l’edificio utilizzato dagli antichi romani come luogo di riunioni  pubbliche e di amministrazione della giustizia. Tre sono gli elementi che avvalorano questa ipotesi; primo fra tutti il fatto che nell’area compresa fra piazza San Giovanni Decollato, piazza della Repubblica e piazza Solferino sorgeva il foro del municipio romano Interamna, luogo nel quale veniva di solito edificata la basilica. Gli altri elementi sono la forma absidata della struttura e la sua grande estensione.

Il paramento esterno della struttura è costituito da grossi blocchi di pietra sponga disposti a semicerchio in un unico filare. La pavimentazione, quasi tutta andata perduta, era in cocciopesto e poggiava su un conglomerato costituito da ciottoli fluviali e ghiaia fine. Il dislivello tra il manto stradale e la pavimentazione della struttura è di circa 6 metri; considerando che il piano di calpestio di epoca romana si trova mediamente a circa 2,5 metri al disotto dell’attuale, si può ipotizzare che la basilica era dotata di un piano interrato destinato ad ambienti secondari.

Interessante il materiale ritrovato in uno scarico di materiali sul lato est dello scavo: si tratta di un’antefissa e un bollo laterizio.

L’antefissa, elemento della copertura dei tetti posto sulla testata delle travi del tetto, è del tipo a profilo semicircolare; al centro è rappresentato il volto di un giovane satiro ad alto rilievo. Il reperto è databile tra il II e III sec. a.C.

Il bollo laterizio di forma circolare presenta l’iscrizione

l(ucios) aquillius l(uci) f(ilius) gallus.

Il marchio è stato ritrovato in diversi siti, sia a Terni che nel territorio circostante.


Hit Counter by http://yizhantech.com/